La Lega Serie A ha reso noto il calendario della stagione 2020/2021. La nuova Juventus targata Andrea Pirlo farà il suo debutto in campionato contro la Sampdoria. La prima del Napoli sarà a Parma, mentre il Milan di Pioli ospiterà il Bologna. Inizio in salita per la Roma che sarà impegnata nella prima giornata sul campo del Verona mentre nel secondo turno affronterà la Juve. Cominceranno invece dalla seconda giornata di campionato sia l'Atalanta che l'Inter. La Lega, infatti, ha concesso ad entrambi i club di recuperare le energie spese a fine agosto nelle competizioni europee. L'Atalanta dunque debutterà in casa del Torino il 27 settembre mentre l'Inter a San Siro contro la Fiorentina. Di seguito la prima giornata della Serie A 2020/2021.

Prima Giornata

Udinese-Spezia
Fiorentina-Torino
Genoa-Crotone
Sassuolo-Cagliari
Milan-Bologna
Parma-Napoli
Verona-Roma
Juventus-Sampdoria
Benevento-Inter
Lazio-Atalanta

Il calendario completo della Serie A 2020/2021

Tutto fermo, tutto rinviato, tutti costretti a casa, ma senza uno degli spettacoli più seguiti dagli italiani sul divano: il calcio. Blocco totale delle manifestazioni calcistiche in Italia e, parrebbe questione di ore, anche le competizioni europee come Champions League ed Europa League. Una contrapposizione, quella che si è vista in queste due giornate di Champions League, con stadi stracolmi a Lipsia e Liverpool e con il pubblico all'esterno dell'impianto a Parigi e Valencia, in contrapposizione con l'annunciata pandemia da parte dell'OMS, l'Organizzazione Mondiale della Sanità. Ma, allo stato attuale, come cambierà il calcio una volta che questa emergenza relativa al COVID-19 sarà rientrata?

UNIONE - La scelta fra le varie federazioni, ad oggi, non è stata univoca: la Serie A ha chiuso quasi subito, seguita a ruota dalla Liga (l'annuncio questa mattina) e si prospettano almeno le porte chiuse dalla Premier League e la Bundesliga, dopo i dati in aumento in queste ore. Servirebbe unità d'intenti, per chiudere totalmente il calcio nonostante lo sport rappresenti una valvola di sfogo non indifferente per chi, per quasi due settimane, sarà costretto a stare in casa e uno sfogo non indifferente potevano essere quei novanta minuti settimanali. O tutti o nessuno, in sintesi. 

FORMA - Allenamenti sospesi, ben quattro squadre di Serie A in quarantena dopo i due casi accertati di Rugani e Gabbiadini, che con il tempo si diffonderanno anche ad altri club: allenamenti rimandati, che molto probabilmente renderanno impossibile ai giocatori una costanza di allenamento per politiche societarie oltre che per giuste restrizioni sanitarie. Si tornerà a giocare fra un mese, ma in quali condizioni fisiche e, sopratutto, mentali? Considerando lo stop solo in Spagna, chi sorriderà alla ripresa saranno le italiane, che nelle competizioni europee, qualora si dovessero ancora giocare, avranno lo stesso stato di forma di Siviglia, Barcellona e Getafe. Un dato parzialmente positivo, nonostante tutto.

MERCATO - E il calciomercato? Quel periodo che fa sognare quasi tutti i tifosi in Italia e nel mondo? Quasi sicuramente, molte delle trattative in ambito calcistico vedranno una riduzione drastica delle valutazioni e dei milioni spesi, in generale, per rinforzare una squadra anche a causa della situazione economica mondiale. Verosimilimente c'è da aspettarsi anche un crollo per quanto riguarda i diritti tv, che saranno ridotti all'osso dopo gli annullamenti, le porte chiuse, i rinvii e lo spettacolo offerto in queste settimane dalle varie tv satellitari e non.

TIFOSI - Ultimi, ma non per importanza, le persone che danno il pepe ad uno sport come il calcio, creando spettacolo sugli spalti mentre ventidue ragazzi giocano: i tifosi. Ad oggi, le persone più penalizzate sono proprio loro, chi ha sottoscritto un abbonamento ad inizio stagione per assistere alle partite allo stadio, oppure chi ha sottoscritto un abbonamento, appunto, per una rete satellitare. In questo momento di difficoltà, non è da pazzi pensare che, nel prossimo anno, ci potrebbero essere degli abbonamenti in regalo per una parte della stagione, oppure, data l'attuale situazione economica che sta gravando su parecchie famiglie italiane, un rimborso immediato per quanto riguarda le restanti partite da visionare. Solo e soltanto, se la situazione relativa al COVID-19, continuerà.

Questa Serie A non riesce a far stare tranquilli gli appassionati di calcio italiani e non, con all’attivo ben 12 partite rinviate finora. Gli interisti parlano addirittura di campionato falsato dalla Lega Serie A in favore della Juventus, con gare a porte chiuse che si sarebbero potute giocare. La partita in questione è Juventus-Inter che è stata spostata di una settimana dai capi della Lega Serie A per poterla giocare a porte aperte, ma dopo il peggioramento del virus sarà ugualmente disputata porte chiuse. Dopo questo rinvio arriva così il durissimo attacco che Steven Zhang, numero uno dell’Inter, sferra a Paolo Dal Pino, presidente della Lega: “Giocare col calendario e mettere la salute pubblica sempre in secondo piano. Sei il più grande clown mai visto”. L’Inter è una delle più penalizzate con ben 2 gare rinviate (tre se si conta anche la Coppa Italia) e quindi con ben 12 giorni di riposo dall’ultima partita giocata, fino a quella in programma contro la Juventus, ma non è la sola.

Un campionato, la Serie A logorato dai tanti rinvii con squadre addirittura ferme da metà Febbraio, che hanno perfino potuto lavorare per 3 settimane senza giocare. I club in questione sono forse i veri sconfitti e i più penalizzati di questa Serie A, ossia Sassuolo e Verona, con ben 3 rinvii, uno di questi già giocati come Brescia-Sassuolo e Lazio-Verona (prima dell’epidemia che ha colpito l’Italia). Queste squadre non giocano dalla 24ª giornata di Serie A cioè dal 16 Febbraio. Il Verona però, nonostante le 3 partite rinviate (una già giocata) si trova a lottare per l'Europa League, non nella stessa situazione invece la Sampdoria con appena un punto sopra la zona retrocessione, ma con 2 match da recuperare. L’ultima notizia vede la Serie A recuperare la 26ª giornata proprio questa settimana con la 27ª e tutte le altre che andrebbero a traslare. Tutti questi rinvii hanno portato a 2 coincidenze, come Brescia-Sassuolo rinviata sia all’andata che al ritorno, ed allo strano caso di Eysseric che ha giocato la 17ª giornata con 2 squadre diverse, realizzando un primato. Lui ha giocato con la Fiorentina contro la Roma nel girone d'andata e con il Verona contro la Lazio in quello di ritorno, a causa del rinvio dovuto alla Supercoppa Italiana.

Una Serie A quindi all’insegna dei recuperi che spera però che tutte queste polemiche finiscano.

Il calcio italiano è nel caso più totale. Gli effetti della diffusione del Coronavirus in Italia hanno fatto emergere come non mai la fragilità di tutto il sistema calcio. A finire sotto accusa è la Lega Serie A che tra decisioni prese autonomamente (per lo più in ritardo) è riuscita a scontentare tutti, oltre che mettere i club di Serie A uno contro l'altro. Ora la domanda che tutti di fanno è: come se ne esce? Continuare a rinviare le partite metterebbe a serio rischio l'incolumità del campionato per mancanza di date utili al recupero delle partite stesse. Al momento le ipotesi sul recupero dei 6 match rinviati della 26esima sono 2:

Ipotesi 1:

Scartata l'ipotesi rinvio delle semifinali di Coppa Italia (promossa dal Napoli), che avrebbe permesso di recuperare tra martedì, mercoledì e giovedì le partite rinviate nel week end, si sta pensando di far slittare la 27esima giornata di campionato. Le sei partite rinviate verrebbero così recuperate tra sabato 7, domenica 8 e lunedì 9, per permettere così che Juventus-Inter venga giocata lunedì, giorno nel quale ad oggi è possibile permettere l'ingresso allo stadio di tutti i tifosi. Il nuovo decreto relativo alle manifestazioni sportive emanato dal premier Conte infatti recita: “la sospensione degli eventi e delle competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, sino all’8 marzo 2020, in luoghi pubblici o privati, a meno che non si svolgano ‘a porte chiuse".  La 27esima giornata verrebbe così interamente spostata al 13 maggio (e dunque la finale di Coppa Italia slitterebbe al 20 maggio e con l'Olimpico impegnato per i preparativi per Euro 2020, verrebbe giocata a San Siro). Questa ipotesi però farebbe felice solo Inter e soprattutto Juventus. Le altre 5 partite, infatti, sarebbero giocate a porte chiuse con scontate polemiche al seguito.

Ipotesi 2:

L'altra possibilità è che resti tutto invariato con la conferma dello spostamento delle 6 partite rinviate della 26esima giornata al 13 maggio. In questo caso la 27esima giornata si giocherebbe con le stesse limitazioni della precedente, di conseguenza partite a porte chiuse per le partite a rischio e a porte aperte dove non ci sono pericoli. Si ritornerebbe al punto di partenza, ma siamo sicuri che la Lega Serie A questa volta accetterebbe lo svolgimento a porte chiuse di alcuni match? Come annunciato dall'amministratore delegato dell'Inter, Beppe Marotta nel corso di Pressing, trasmissione in onda su Rete 4, la decisione definitiva verrà presa mercoledì nell'Assemblea della Lega Serie A che si terrà a Roma. Non ci resta che attendere, ma non si escludono nelle prossime 48 ore nuove clamorose novità.

Pagina 1 di 6

About

  • Radio Camp Academy è il laboratorio radiofonico del dipartimento radio della CAMP Academy, in questa emittente radiofonica ascolterete solo progetti ideati, prodotti e condotti dai nostri allievi del corso PRO.

     

Contact us

Via Gabriele Jannelli 562
Napoli, NA 80131
Italia
+39 081 3418303
Mobile: +39 351 7303013
campacademy.it

Quote

  • Luogo creativo e vivace. Offre agli studenti competenze difficili da reperire altrove. La passione per l'arte è il motore della Camp "Gianluca Ruoppolo"