Alla vigilia della sfida tra Roma e Frosinone di domani sera alle 20.30 ha parlato in conferenza stampa il tecnico giallorosso Eusebio Di Francesco.
La Roma arriva alla partita con due vittorie di fila mentre il Frosinone arriva con la sconfitta pesante con la Juventus e la vittoria con la Sampdoria
Il tecnico abruzzese ha fatto riferimento alla voce di un possibile arrivo di Maurizio Sarri a Trigoria dichiarando: "E' un ambiente che destabilizza e riesce sempre a trovare qualcosa che non ha senso, come questa storia - ha spiegato il tecnico -. Il mio referente è Monchi, tutto il resto sono chiacchiere".
Sulla possibile formazione ha poi aggiunto: Under non convocato, Zaniolo potrebbe avere un turno di riposo, De Rossi giocherà titolare, El Shaarawy, Perotti e Kluviert si giocano una maglia.
Sulla sfida contro i ciociari ha affermato che l'approccio alla gara non si può sbagliare perchè come contro il Bologna si rischia di fare figuracce, queste gare sono fondamentali.

 

 

Lorenzo Insigne ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli, il giocatore ha commentato il suo nuovo ruolo da capitano azzurro, dopo l'addio di Hamsik:" Bisogna sempre ricordare da dove si viene. Io ho dato tanto, ho fatto sacrifici, ma bisogna restare con la stessa testa. La fascia di capitano dà tanta responsabilità, ma anche prima da napoletano la sentivo questa responsabilità. Ora è aumentata perché con la fascia bisogna tenere unito l'ambiente". E' proprio sull'addio di Marek Hamsik, Insigne ci ha tenuto a esprimere il suo pensiero sulla vicenda: "E' solo da apprezzare quello che ha dato a società e tifosi. Dispiace che sia andato via così senza un saluto ufficiale, questo fa male, soprattutto a lui che ci teneva tanto. Ci sentiamo, abbiamo fatto la videochiamata, è un po' dimagrito. A volte è stato troppo buono, è la sua unica pecca. A Napoli ha dato tanto battendo diversi record". Il giocatore ha poi commentata la vittoria di ieri del Napoli sullo Zurigo e se gli azzurri credono alla finale di Europa League: "Ancelotti ci ha chiesto di affrontare con la cattiveria giusta questa partita, sebbene avessimo vinto all'andata. Abbiamo spinto tutti dal 1' al 90', hanno detto la loro Verdi e Ounas, due calciatori che possono aiutarci. Questo gruppo deve continuare a lavorare a testa bassa e poi i risultati verranno da soli. Cercheremo di portare un trofeo a Napoli perché Napoli lo merita. Credete alla finale di Europa League? Ci crediamo, possiamo competere. L'abbiamo dimostrato in Champions League, ce la siamo giocata contro due squadre importante. Lavoriamo per arrivare alla finale". Il capitano azzurro si è anche proiettato ai prossimi due match in campionato, contro Parma e Juventus: "Nelle partite con la Juve non c'è bisogno che ti carichi. Mi dispiace non essere con la squadra a Parma, ma conoscendo la nostra forza faranno sicuramente una grande partita e porteranno il risultato a casa". 

E’ un Carlo Ancelotti sereno quello che si è presentato nel post partita di Napoli - Zurigo. Il tecnico di Reggiolo ha risposto alle domande dei vari giornalisti presenti in sala. Gli argomenti sono stati diversi, compresa la scoppola rimediata ieri sera dalla Juventus in Champions League per mano del super Atletico Madrid del “Cholo” Simeone. Per l’allenatore azzurro, la partita del Wanda Metropolitano ha dimostrato che i bianconeri non sono imbattibili. Un invito, quindi, a non mollare, perché nel calcio nulla è scontato. Parole, queste, indirizzate ai suoi uomini. Ed in proposito di calciatori azzurri, c’è una domanda su “Ciro” Mertens, ancora a secco dopo la gara con gli elvetici: “Mi aspetto di più dal belga – esordisce Ancelotti – Ha delle grandissime qualità che, al momento, non riesce ad esprimere del tutto. Faccio comunque un plauso ai miei attaccanti che stanno facendo un grandissimo lavoro difensivo”. Ed ora, sotto a chi tocca in Europa League; Ancelotti ha già individuato le possibili pretendenti al trono:” Sicuramente, assieme al Napoli, inserisco le inglesi e le spagnole. Si tratta di squadre molto competitive e che, in questo momento, innalzano il livello di questo torneo”.

Messa alle spalle la 24esima giornata di Serie A con la vittoria per 2-1 della Roma sul Bologna, i riflettori sono ora tutti puntati sulla Champions League. Il massimo campionato italiano riprenderà la scena venerdì sera con l'anticipo che metterà di fronte Milan ed Empoli. In vista della 25esima giornata di Serie A, il giudice sportivo ha fermato ben 12 calciatori per un turno. Si tratta dell'espulso Joao Pedro (Cagliari) e dei diffidati Berardi (Sassuolo), Emre Can (Juventus), De Paoli e Giaccherini (Chievo), De Roon (Atalanta), Suso (Milan), Fofana (Udinese), Insigne (Napoli), Linetty (Sampdoria), Rincon (Torino) e Schiattarella (Spal).

Pagina 189 di 191

About

  • Radio Camp Academy è il laboratorio radiofonico del dipartimento radio della CAMP Academy, in questa emittente radiofonica ascolterete solo progetti ideati, prodotti e condotti dai nostri allievi del corso PRO.

     

Contact us

Via Gabriele Jannelli 562
Napoli, NA 80131
Italia
+39 081 3418303
Mobile: +39 351 7303013
campacademy.it

Quote

  • Luogo creativo e vivace. Offre agli studenti competenze difficili da reperire altrove. La passione per l'arte è il motore della Camp "Gianluca Ruoppolo"