Gianluca Ruoppolo

Gianluca Ruoppolo

Classe 1995, Laureato in Comunicazione. Appassionato di sport e di calcio, mi piace raccontarlo e analizzarlo in tutte le sue sfumature.

L'inizio della nuova stagione aveva lasciato ben sperare, ma dopo appena cinque turni di campionato, gli arbitri e il VAR sono tornati nuovamente nell'occhio del ciclone. Gli errori macroscopici di Giacomelli in Milan-Roma (monday night della 5ª giornata di Serie A) hanno messo a nudo le problematiche di tutta la categoria arbitrale. Si era detto che il VAR sarebbe stato un supporto per arbitri in caso di chiari ed evidenti errori, ma la partita di ieri sera ha dimostrato tutt'altro. Agli errori di Giacomelli, infatti, si sono aggiunti quelli di Nasca e Vivenzi al VAR. Altra partita, stesso errore: nel corso del primo tempo di Benevento-Napoli, Lozano cade in area di rigore dei giallorossi dopo uno sgambetto da parte di un avversario. Il rigore è chiaro ed evidente, ma anche qui nessuna chiamata da parte degli addetti al VAR.

Il VAR a chiamata

Concedere due rigori inesistenti, ma anche non concederne uno (tra l'altro evidente) quando c'è il VAR a disposizione, non è ammissibile senza se e senza ma. La tecnologia c'è e va usata, punto. Sbaglia il direttore di gara, sbagliano gli addetti al VAR, ma a questo punto perché non permettere ad un club di avvalersi del cosiddetto VAR a chiamata? Sull'argomento si sono espressi negli ultimi anni molti addetti ai lavori: c'è chi pensa che snaturerebbe il calcio e c'è invece chi pensa che possa essere una buona idea. Intanto però raccoglie sempre più assenzi il partito di chi considera questa come un'opportunità da cogliere e non sprecare.

Il calcio si snaturerebbe è vero, ma questo cambiamento non è già avvenuto con l'introduzione del VAR? Va ricordato inoltre che il calcio italiano ha dimostrato, nel recente passato, di essere attento a queste dinamiche divenendo il primo tra i top campionati europei ad adottare la tecnologia del VAR. Perché quindi non sperimentare la chiamata del VAR da parte di una squadra? Mentre il Mondo e lo sport diventano sempre più tecnologici il calcio non può e non deve restare ancorato al passato, serve il coraggio di guardare avanti verso il futuro, serve riguadagnare la credibilità persa negli ultimi anni.

L'AIA ha reso noti i nominativi degli Arbitri, degli Assistenti e dei IV Ufficiali che dirigeranno le 20 gare valide per il secondo turno eliminatorio di Coppa Italia. Tutte i match si disputeranno mercoledì 30 settembre, eccezion fatta per Monza-Triestina che si svolgerà domani (ore 20.45). La partita del U-Power Stadium sarà diretta dall'arbitro Serra. Di seguito il quadro completo delle designazioni arbitrali.

Il quadro completo delle designazioni arbitrali:

MONZA – TRIESTINA Martedì 29/09 h. 20.45
SERRA
IMPERIALE – ANNALORO
IV: PANETTELLA

REGGINA – TERAMO h. 14.00
SANTORO
VECCHI – SECHI
IV: CAVALIERE

CITTADELLA – NOVARA h. 15.00
ABBATTISTA
AVALOS – TRINCHIERI
IV: KUMARA

COSENZA – ALESSANDRIA h. 15.00
PEZZUTO
ROBILOTTA – CIPRESSA
IV: GAROFALO

CREMONESE – AREZZO h. 15.00
MANGANIELLO
PAGANESSI – SCHIRRU
IV: NICOLINI

FROSINONE – PADOVA h. 15.00
CAMPLONE
PERROTTI - YOSHIKAWA
IV: MORICONI

PESCARA – N. NOTARESCO h. 15.30
DI MARTINO
DI MONTE - MACADDINO
IV: CUDINI

LR VICENZA – PRO PATRIA h. 16.00
AYROLDI
AFFATATO –SCARPA
IV: LOVISION

V. ENTELLA – ALBINOLEFFE h. 16.00
GARIGLIO
ROSSI M. – MIELE
IV: GUALTIERI

PISA – JUVE STABIA h. 16.00
MARINI
COLAROSSI – SCATRAGLI
IV: GALIPO’

VENEZIA – CARRARESE h. 16.00
ROS
BACCINI – LOMBARDI
IV: BORDIN

EMPOLI – RENATE h. 17.00
MARCHETTI
RASPOLLINI – ZINGARELLI
IV: CREZZINI

ASCOLI – PERUGIA h. 17.00
MASSIMI
DI GIOIA – MARCHI
IV: FELICIANI

CHIEVO – CATANZARO h. 18.00
MERAVIGLIA
BERCIGLI - BERTI
IV: MONALDI

LECCE – FERALPISALO’ h. 18.00
ROBILOTTA
FIORE – PALERMO
IV: LONGO F.

PORDENONE – CASARANO h. 18.00
AMABILE
ROSSI L. – MORO
IV: ZUFFERLI

REGGIANA – MONOPOLI h. 18.00
RAPUANO
BRESMES – ROSSI C.
IV: ARACE

SALERNITANA – SUD TIROL h. 18.00
PATERNA
MARGANI – PAGNOTTA
IV: MIELE

BRESCIA – TRAPANI h. 20.00
ILLUZZI
VILLA – DELLA CROCE
IV: CALZAVARA

SPAL – BARI h. 21.00
SOZZA
TARDINO – LOMBARDO
IV: DI GRACI

L'AIA ha reso noti i nominativi degli Arbitri, degli Assistenti, dei IV Ufficiali, dei V.A.R. e degli A.V.A.R. che dirigeranno le gare valide per i recuperi della 1ª giornata di Serie A in programma mercoledì 30 settembre 2020. Sarà Fabio Maresca a dirigere il big match tra Lazio e Atalanta. L'arbitro Napoletano sarà coadiuvato dalla coppia di assistenti di linea composta da Costanzo e Ranghetti. Quarto uomo Pasqua mentre al VAR ci saranno Calvarese e Di Vuolo. Benevento-Inter è stata affidata a Francesco Forneau mentre per Udinese-Spezia è stato designato Alessandro Prontera

Il quadro completo delle designazioni arbitrali:

BENEVENTO – INTER h. 18.00
FOURNEAU
MONDIN - MASTRODONATO
IV: LA PENNA
VAR: NASCA
AVAR: DE MEO

UDINESE – SPEZIA h. 18.00
PRONTERA
VALERIANI – RUGGIERI
IV: CHIFFI
VAR: PAIRETTO
AVAR: PERETTI

LAZIO – ATALANTA h. 20.45
MARESCA
COSTANZO – RANGHETTI
IV: PASQUA
VAR: CALVARESE
AVAR: DI VUOLO

L'Amministratore Delegato della Lega Serie ALuigi De Siervo, è intervenuto questa mattina a "Radio anch'io Sport", trasmissione in onda sulle frequenze di Rai Radio 1. De Siervo ha parlato di molti temi di attualità, a cominciare da quello legato alla riapertura degli stadi: "Siamo tutti allineati su una ripresa attenta all'andamento dell'epidemia, ma l'obiettivo resta quello di riportare, con gradualità, i tifosi nei nostri stadi. Il calcio non vuole un trattamento privilegiato rispetto ad altri settori, ma non possiamo neanche essere svantaggiati. Con buon senso, senza forzare i tempi, possiamo riaprire in modo graduale, il 25% non è un dogma, ci si può arrivare con step intermedi. Giovedì scorso mi sono recato a Budapest per vedere di persona la gestione dei flussi di tifosi, c'era un protocollo meno severo del nostro per cui sono convinto che si può fare, sempre con la massima attenzione per le regole".

Sempre sul tema stadi, De Siervo si è detto favorevole allo sviluppo di nuovi impianti e alla ristrutturazione di quelli già esistenti: "Senza gli stadi non esistono i ricavi e non e' possibile riportare al vertice il nostro calcio. La nostra speranza e' che si possa investire non solo sui calciatori, ma anche sugli stadi. Il nostro Parlamento ha fatto di recente un piccolo passo avanti, bisogna sottolinearlo: la costruzione di nuovi stadi e la ristrutturazione degli impianti esistenti e' fondamentale. Non possiamo bloccare tutto per questioni di principio: penso per esempio al presidente Commisso che sta facendo una battaglia affinché non venga fermata la sacrosanta ristrutturazione del Franchi. Sullo stesso piano abbiamo altre Società, penso all'Inter, al Milan, alla Roma e ad altre, abbiamo bisogno di grandi impianti".

Intanto il calcio Italiano fa i conti con la crisi dovuta al Covid-19: "Il danno stimato finora è superiore ai 500 milioni di euro, una cifra monstre non solo per il nostro campionato, ma per tutto il calcio italiano perché siamo il motore di un'industria che dà lavoro a migliaia di persone e le perdite si riversano fino al calcio di base. Il calcio va protetto, perché il sistema è prossimo al collasso. Diritti tv? La situazione è complessa, abbiamo un interlocutore forte come Sky e poi Dazn che ha fatto un investimento importante, credo che avremo delle sorprese positive nonostante oggi non esista una concorrenza forte come ai tempi di Mediaset Premium, però c'è interesse da parte di nuovi operatori come Amazon e Netflix".

Pagina 10 di 217

About

  • Radio Camp Academy è il laboratorio radiofonico del dipartimento radio della CAMP Academy, in questa emittente radiofonica ascolterete solo progetti ideati, prodotti e condotti dai nostri allievi del corso PRO.

     

Contact us

Via Gabriele Jannelli 562
Napoli, NA 80131
Italia
+39 081 3418303
Mobile: +39 351 7303013
campacademy.it

Quote

  • Luogo creativo e vivace. Offre agli studenti competenze difficili da reperire altrove. La passione per l'arte è il motore della Camp "Gianluca Ruoppolo"